Italiano English

inCanto di Tango e Jazz...un successo!

Una serata davvero incantata quella del 17 novembre scorso, organizzata dall’Associazione Amici dell’Istituto di Ricerche “Mario Negri” per finanziare borse di studio destinate a giovani ricercatori che intendono formarsi in Italia, presso l’Istituto Mario Negri e anche per sostenere alcuni progetti di ricerca.

Il Professor Silvio Garattini, nel suo breve e misurato intervento preliminare, ha fornito la premessa che ha dato il senso dell’evento, spiegando quali sono  i tre progetti di ricerca su cui si sta lavorando grazie ai contributi dell’Associazione Amici del “Mario Negri”: l’arresto cardiaco, la malattia di Alzheimer e la SLA (Sclerosi Laterale Amiotrofica). Tre mali gravissimi per la cura dei quali,  grazie alla ricerca, si incomincia finalmente a intravedere una luce.

Nella bella cornice dell’auditorium dell’Istituto, davanti a un folto pubblico di amici e simpatizzanti, abbiamo assistito a una vera parata di musicisti eccezionali che con i loro strumenti hanno dato vita a uno spettacolo unico e affascinante, in cui melodie anche notissime di tango non erano che la base per variazioni e virtuosismi jazzistici.

Sante Palumbo, oltre che esibirsi al pianoforte, è stato un po’ il “regista” della serata. Con lui: Gianni Coscia alla fisarmonica, Riccardo Fioravanti al contrabbasso, Max De Aloe all’armonica a bocca, Tommaso Brandascio alla batteria, Marcella Carboni all’arpa, Donato Scolese al vibrafono e Monica Giuntoli, calda e sensuale voce solista, hanno creato un concerto trascinante e appassionato, coinvolgente per il pubblico in sala, che ha ripetutamente ed entusiasticamente applaudito l’estro degli artisti.

Poi, dopo il concerto, tutti a tavola nel salone dell’Istituto, ad apprezzare una ricca cena a  buffet, offerta dalla società di ristorazione Elior, che comprendeva piatti autunnali della cucina rustica che hanno accontentato anche i palati più esigenti.

Un “grazie” quindi agli sponsor, ad Anny Garattini, Fabio Brighenti e ai loro collaboratori che hanno creato questo evento e a tutti coloro che vi hanno partecipato, si sono divertiti e hanno mostrato di comprendere come, anche attraverso una piacevole serata, si può contribuire a sostenere la ricerca dell’Istituto Mario Negri.

Giuliana Ferrari - Volontaria