Italiano English

Altro caso Mutu

C'è la voce autorevolissima di Silvio Garattini che, indirettamente, arriva a sostegno della tesi del giocatore, ovvero la buona fede nell'avere assunto un prodotto contenente in maniera occulta la Sibutramina. "Ci è stato segnalato un caso in Toscana - racconta Garattini, Direttore dell'Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri - è di una signora che, acquistato un prodotto in erboristeria con su scritto "Capsule dimagranti, prodotto al 100% naturale a base di frutta" ha avuto problemi di insonnia per tre giorni. L'abbiamo analizzato: contiene Sibutramina e Fenoftaleina, non segnalate sulla scatola. Il prodotto è distribuito da una ditta toscana e di importazione romena. Ho segnalato il tutto anche a una commissione antidoping: certi prodotti possono indurre in errore molta gente, ed è bene che gli sportivi sappiano che ci sono capsule che paiono innocue e invece poi contengono farmaci attivi considerati doping".