Italiano English

Interazione tra farmaci

Gli anziani rappresentano la popolazione maggiormente sensibile alle reazioni avverse da farmaci a seguito delle alterazioni fisiologiche associate all’invecchiamento in grado di produrre modificazioni dei parametri farmacocinetici e farmacodinamici di un determinato principio attivo.
La politerapia è una condizione abbastanza comune nei soggetti anziani e se da un lato può rendersi necessaria per trattare patologie o sintomi che si presentano con maggior frequenza negli anziani, dall’altro rappresenta un fattore di rischio per gli eventi avversi farmaco-correlati (adverse drug reaction, ADR), per il rischio di interazioni e per l’uso di farmaci potenzialmente inappropriati (potentially inappropriate medication, PIM), ovvero di farmaci che dovrebbero essere evitati in quanto il rischio di reazioni avverse è tale da diminuirne il potenziale beneficio.
Anche la mancata prescrizione di un farmaco potenzialmente utile è considerata un’inappropriatezza prescrittiva, così come un’aderenza terapeutica non ottimale o l’assunzione di un farmaco per un periodo inferiore a quello raccomandato, condizioni che non permettono di ottenere il massimo beneficio da un trattamento farmacologico.


Tra le principali conseguenze di un uso non appropriato dei farmaci bisogna quindi considerare: l’aumentato rischio di reazioni avverse, il mancato beneficio di trattamenti utili, la scarsa aderenza, nonché l’aumento dei costi e delle risorse sanitarie.

 

Per cercare di dare una chiave di lettura critica a questo problema, abbiamo realizzato uno strumento di valutazione delle terapie - INTERCheck - realizzato con l'obiettivo di migliorare l'appropriatezza prescrittiva nel paziente anziano attraverso un approccio di valutazione delle terapie che tiene in considerazione diversi aspetti della farmacologia geriatrica:

  •     Interazioni tra farmaci (secondo il database delle interazioni realizzato ed aggiornato dall'IRCCS  - Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri).
  •     Farmaci inappropriati secondo differenti criteri delle letteratura (Beers, START/STOPP).
  •     Valutazione del carico anticolinergico (secondo l'Anticholinergic Cognitive Burden scale).
  •     Dosaggio dei farmaci in soggetti con alterata funzionalità renale.
  •     GerontoNet ADR Risk Score, per l'identificazione dei pazienti maggior rischio di effetti     indesiderati da farmaco.
  •     Modalità per una corretta sospensione dei farmaci che necessitano una riduzione graduale   dei dosaggi


Per una informazione completa sull'uso appropriato dei farmaci è possibile chiamare il numero: 02.3570319, tutti i giorni lavorativi dalle 9,30 alle 12,30.