Mario Negri - Istituto di Ricerche Farmacologiche

   ENGLISH VERSION

Newsletter

Comunicati stampa

L'Istituto sulla stampa

Rassegna stampa

Televisione

 

Archivio 2003

Archivio 2004

Archivio 2005

Archivio 2006

Archivio 2007

Archivio 2008

Archivio 2009

Archivio 2010

Archivio 2011

Archivio 2012

I Generici? Non sono farmaci di serie B

L'Italia paga BIG PHARMA SCAPPA

Archivio 2013

Quella cura è fuorilegge

Ho fatto il test del Dna, ti cambia la vita

Finiamola di produrre farmaci che non usiamo!

I talenti in fuga giovano ai talenti che restano

Il futuro dell'Italia deve passare per la ricerca

All'empowerment le ali del web 2.0

Quanto costa la sanità? Il guazzabuglio dei Lea

Perchè la marijuana fa male ai ragazzi

Il prezzo shock dei medicinali anti-epatite. L'industria dei farmaci sia più responsabile

Teniamo i medici non gli sprechi

La prima vittoria al Mondiale è dell'industria degli alcolici

Anche la società è artefice della nostra salute

Se a pagare sono i pazienti

Sanità: dove si può e si deve risparmiare

La sanità che vorremmo

Che cosa cambia nella sanità

Stamina, il sì del giudice e il silenzio del Ministro

Se è solo il giudice a decidere le cure. Le troppe confusioni dei ministri

Studenti riammessi a Medicina dal Tar. E' tempo di chiarire i criteri dei test

Adesso tocca a noi medici

La lezione di Torregalli

Il voto di maturità vale più di un test. Giusto rivedere le selezioni per medicina.

Il nuovo codice deontologico che lascia i medici nel passato

La verità scientifica nel rebus Stamina

Medici che imparano dai malati

Tumori, la colonscopia è l'unico esame affidabile

Manifesto per la salute del pianeta

Caso Stamina, colpevoli e no

Scienza e politica: dare voce ai ricercatori

La passione (segreta) del premier cinese per la scienza

Guerra legale preventiva ai medici. La prima vittima è la buona assistenza

Effetti delle sigarette elettroniche. Dalla scienza una prima condanna

Sorpresa: i grassi animali non sono così cattivi

Inutili rompicapi

Quando Stamina dà i numeri

Ospedali, come spendere meglio

La sanità sprecona

Ipertensione: troppi farmaci riservano sorprese

Cannabis terapeutica: no al pressapochismo

Danni da vaccino: no agli allarmismi

L’area 12 divide uomo e macaco

L'omeopatia non è una scienza

L'Esame (inutile) che dice se si muore in 5 anni

Ingerire troppe vitaminepuò essere rischioso

Le regole da cambiare

Un'emergenza dimenticata

Un consiglio ai ricercatori

Un Paese normale non ha Stamina

Tutte le leggi violate sul caso Vannoni

Noi andiamo avanti comunque

La sperimentazione animale è necessaria?

Medici e pazienti: 8 minuti insieme sono troppo pochi

L'occasione irripetibile

La nuova legge sui test animali è contro la scienza

La via giudiziaria alla salute

I medici e i pazienti non più pazienti

Cari politici, la ricerca scientifica si può fare

E un gatto surclassò i luminari

Cellule staminali: ora un argine alle illusioni

Bimba guarita dall'Aids in Mississippi - Non significa che c'è la cura al morbo

Sigaretta elettronica: ecco come la penso io

Il gene politico

Sovrappeso: con i chili aumentano anche i rischi

Farmaci e ricerca: c'è bisogno di garanzie

 

Elogio dell'appropriatezza

Sole 24 Ore Sanità



2-8 marzo 2004

Tutti coloro che credono nella sanità pubblica possono trarre spunti e suggerimenti dal volumetto di Paolo Vineis e Nerina Dirindin ('In buona salute', collana Gli Struzzi, Einaudi, 2004) mentre i sostenitori dell'attività privata in sanità possono raccogliere elementi di riflessione.

Il Servizio Sanitario Nazionale (SSN) va visto come istituzione di grande civiltà perché non discrimina i suoi interventi a livello delle varie classi sociali. Il SSN ha prodotto negli scorsi decenni un buon livello di prestazioni garantendo a tutti i cittadini uno standard di salute che l'Organizzazione Mondiale della Sanità non ha esitato a definire 'buono'. Tuttavia il costante aumento della spesa dovuto a molti fattori che includono l'invecchiamento della popolazione e il progresso medico, sta determinando – e non solo in Italia - una situazione di crisi.

È molto difficile d'altra parte nel nostro Paese pensare ad un ulteriore significativo aumento di spesa considerando che il debito pubblico accumulato distrae una parte significativa del PIL per pagare gli interessi. Occorre quindi con creatività e pazienza rimuovere tutte le cause di spreco o di spesa incongrua per ricavare risorse da destinare a interventi prioritari, tenendo presente che la salute non dipende solo dalla medicina ma da tutta una serie di fattori sociali ed ambientali che vanno oltre gli interventi sul singolo individuo.

L'aumento dei costi non è sempre giustificato ma spesso è dovuto a mode o a convinzioni sostenute da un assillante martellamento pubblicitario. I circa 30.000 informatori che ogni giorno visitano i medici non promuovono certo un contenimento della spesa ma al contrario consumi non sempre necessari e giustificati.
I coxib che rimpiazzano i FANS, i nuovi anti-ipertensivi che sostituiscono i diuretici, gli antipsicotici atipici che diminuiscono i consumi degli antipsicotici classici non offrono vantaggi significativi ma rappresentano comunque un aumento della spesa farmaceutica. Lo stesso meccanismo riguarda altri settori del SSN: dalla diagnostica ai medical devices.

Si pone perciò il problema di una ampia revisione degli interventi medici in tutti i settori per scegliere ciò che ha base scientifica collaudata e a parità di prestazioni selezionare l'intervento che ha un costo minore. L'adozione della medicina basata sull'evidenza non è soltanto una decisione razionale; è anche il miglior modo per rendere la spesa più vicina ai reali interessi dell'ammalato.

Accanto alle scelte degli interventi che devono essere rimborsati dal SSN, va posto il problema della appropriatezza nell'uso di questi interventi. Dobbiamo chiederci ad esempio come mai la spesa pro-capite per i farmaci è normalmente più alta nelle regioni del Sud rispetto a quelle del Nord, ma anche come mai i parti cesarei rappresentano il 19% del totale a Bolzano e il 45% in Campania.

E ancora: sono molte le giornate di degenza inappropriate, ad esempio in Lombardia sono inappropriati il 10% delle angioplastiche coronariche e il 15% dei by-pass coronarici in pazienti asintomatici. Forse ancora più inappropriato mantenere funzionanti tanti piccoli ospedali che non sono in grado – statisticamente parlando – di garantire lo stesso livello di prestazioni dei grandi ospedali.

Ho scelto solo alcuni aspetti dei molti temi trattati nella disamina del SSN descritta da Vineis e Dirindin. Il problema è quello di soddisfare la domanda di benessere da parte della società senza trascurare i risvolti economici: salute e spesa per garantirla sono entrambe in crescita ma, per dirla con gli Autori, 'una sanità che ha come obiettivo la sola crescita delle dimensioni del settore rischia di non produrre buona salute'.

Silvio Garattini

 

 
Cerca

PubMed

Staff

Sito

Sostieni la Ricerca
Dona il tuo 5xmille

L'istituto Mario Negri per il medico

Interazioni tra farmaci ->

Ricerca & Pratica ->

Press Room

Newsletter ->

Comunicati stampa ->

L'Istituto sulla stampa ->

Rassegna stampa ->

Televisione ->

L'istituto Mario Negri per te

Servizio di informazione
sui farmaci

Centro Malattie Rare

tel 035.4535304

PartecipaSalute

Lo sai mamma?

La ricerca al servizio
della salute

Newsletter

Cerca

Accesso WEBMAIL

Accesso INTRANET

Accesso e-JOURNALS

Noi aderiamo
ai principi
HONcode

 
 

Via La Masa, 19 - 20156 Milano Tel: +39.02.39014.1 Fax: +39.02.354.6277 - +39.02.3900.1918 E-mail: mnegri@marionegri.it
Ultimo aggiornamento: 23 settembre 2014 0.17.27 CEST