Home / Ricerca /
Dipartimento di Ricerca Ambiente e Salute

Laboratorio Tossicologia della Nutrizione

Il laboratorio studia fonti, presenza, distribuzione ed effetti di contaminanti ambientali quali farmaci, droghe, prodotti per la cura personale, nonché di contaminanti alimentari.

Partendo da dati ambientali sono stati sviluppati metodi per stimare il consumo di sostanze psicoattive nella popolazione mediante analisi dei residui delle droghe nei reflui urbani.

Questi metodi, chiamati di “epidemiologia delle acque reflue” sono stati estesi a valutare i consumi di altre sostanze assunte volontariamente, come alcol, nicotina, caffeina e farmaci o involontariamente, come i contaminanti alimentari.

Un recente sviluppo analizza SARS-CoV2 nelle acque reflue per stimare l’esposizione della popolazione al virus.

Sono inoltre in corso studi di nutrizione umana per ridurre il consumo di sale tramite la dieta, promuovere l’aderenza alla dieta mediterranea e valutare l’esposizione a contaminanti alimentari.

Linee di ricerca

Identificazione e studio di nuovi contaminanti

Il laboratorio ha contribuito ad identificare e a descrivere alcuni “contaminanti emergenti”, ossia quei contaminanti di ambiente e cibo che non sono ben conosciuti e regolamentati. Ha contribuito a caratterizzare i farmaci come contaminanti ambientali e a identificare, per la prima volta, le droghe d’abuso nell’ambiente. Attualmente sono in corso progetti di monitoraggio di queste e di altre sostanze chimiche per la cura della persona, per definirne fonti e concentrazione, al fine di valutarne i rischi e ridurne l’impatto ambientale. Un ulteriore progetto riguarda lo studio della relazione tra inquinamento ambientale da antibiotici e lo sviluppo di resistenza batterica.

Valutazioni di rischio per l’ambiente e per l’uomo associato a contaminanti ambientali

Utilizzando i dati provenienti dai monitoraggi ambientali, il laboratorio effettua valutazioni di rischio. Vengono identificati quali sono, tra i contaminanti analizzati, quelli che possono esercitare effetti avversi sulla fauna acquatica alle concentrazioni effettivamente misurate. Le valutazioni di rischio sono condotte anche considerando la co-esposizione degli organismi ai differenti contaminanti presenti nel sistema idrografico, identificando quindi quali miscele potrebbero alterare gli equilibri degli ecosistemi. Il laboratorio effettua, inoltre, valutazioni di rischio per l’uomo stimando l’esposizione attraverso la catena alimentare e il consumo di acque potabili, valutando gli effetti sia dei singoli contaminanti che delle miscele.

Sviluppo e nuove applicazioni dell'epidemiologia delle acque reflue

Il laboratorio ha sviluppato metodologie innovative per stimare il consumo di sostanze psicoattive nella popolazione a partire dall’analisi di residui metabolici nei reflui urbani. Questi studi si svolgono nell’ambito di un network europeo (www.score-network.eu) in collaborazione con l’Agenzia europea per droghe e tossicodipendenze (www.emcdda.eu). Oltre alle droghe d’abuso, si stima il consumo di alcool, caffeina, nicotina, farmaci e più recentemente di nuove sostanze psicoattive (nuove droghe – Progetto EuSeMe www.euseme.eu). La stessa metodologia è stata inoltre applicata per valutare l’esposizione della popolazione a contaminati alimentari o ambientali quali pesticidi e micotossine. Nuove potenziali applicazioni su cui lavoriamo sono legate all’utilizzo dell’analisi dei reflui urbani per valutare lo stato di salute della popolazione mediante l’identificazione di specifici indicatori.

Studi sui nutrienti come fattori di rischio per lo sviluppo di malattie croniche

Sono stati condotti studi per valutare la possibilità di ridurre il consumo di sale nei pasti degli utenti delle mense aziendali e per sviluppare una APP, applicazione su telefono cellulare, per promuovere la dieta mediterranea nelle mense aziendali. Un ulteriore studio è in corso per valutare l’esposizione a inquinanti alimentari mediante analisi specifiche di frammenti di tessuto adiposo umano di provenienza chirurgica. L’unità di valutazione di rischio ambientale e nutrizionale afferente al laboratorio si occupa anche dello studio degli effetti dei nutrienti sui fattori di rischio per lo sviluppo di malattie croniche. A tale fine vengono condotte revisioni sistematiche e meta-analisi sugli effetti del consumo di specifici acidi grassi e zuccheri liberi sull’obesità, diabete e malattie cardiovascolari.

Epidemiologia delle acque reflue per lo studio di SARS-CoV2

Un recente sviluppo di questa metodologia analizza la presenza di SARS-CoV2, responsabile della pandemia di COVID-19, nelle acque reflue urbane per stimare l’esposizione della popolazione al virus. Campioni di acque prelevate dai depuratori di numerose città in Lombardia vengono analizzate utilizzando metodi di preconcentrazione ed analisi molecolare di SARS-CoV-2 mediante real-time PCR e digital-PCR. Questa metodologia può essere applicata come sistema di sorveglianza per monitorare l’andamento dell’epidemia a livello di popolazione e l’insorgenza di nuovi focolai.

Responsabili
Ettore
Zuccato
Capo Laboratorio
ettore.zuccato@marionegri.it
Senior Advisor
No items found.
Capi Unità
Elena
Fattore
Capo Unità
elena.fattore@marionegri.it
Sara
Castiglioni
Capo Unità
sara.castiglioni@marionegri.it
Personale
Federica
Mancinelli
Ricercatore
federica.mancinelli@guest.marionegri.it
Silvia
Schiarea
Ricercatore
silvia.schiarea@marionegri.it
Noelia
Salgueiro Gonzalez
Ricercatore
noelia.salgueiro@marionegri.it
Francesco Marco
Riva
Ricercatore
francesco.riva@marionegri.it
This is some text inside of a div block.
Thank you! Your submission has been received!
Oops! Something went wrong while submitting the form.
Codice:

International Consensus on Cardiopulmonary Resuscitation.

1205
Non ci sono pubblicazioni selezionate al momento.
Responsabili
Ettore
Zuccato
Capo Laboratorio
ettore.zuccato@marionegri.it
Senior Advisor
No items found.

Laboratori Collegati

Tieniti aggiornato sulle novità dell'Istituto Mario Negri. 

Iscriviti alla newsletter
Pagina Inglese