Home / Ricerca / Dipartimento di
Neuroscienze

Laboratorio Neurobiologia dei Prioni

Il laboratorio studia i meccanismi alla base delle malattie da prioni, un gruppo di patologie degenerative del sistema nervoso centrale che colpiscono l’uomo e altri mammiferi.

Queste malattie dipendono dall’alterazione della struttura di una particolare proteina cellulare, chiamata proteina prionica o PrP. La PrP alterata (detta prione) ha la capacità di indurre il cambiamento della struttura della PrP normale. Questo può accadere anche tra specie diverse, per esempio da animale a uomo: è quanto accaduto nel caso del cosiddetto morbo della mucca pazza (encefalopatia spongiforme bovina), che si è trasmesso ad alcuni esseri umani provocando una variante della CJD.

Linee di ricerca

Meccanismi di neurodegenerazione nelle malattie da prioni di origine genetica

Le malattie da prioni di origine genetica sono causate da mutazioni nel gene della PrP. A seconda della mutazione possono avere manifestazioni cliniche molto diverse che vanno dalla perdita di memoria e del controllo dei movimenti, a disturbi psichiatrici e all’insonnia. Nel laboratorio cerchiamo di rispondere a due domande fondamentali: 1) Che cosa causa la disfunzione e la morte dei neuroni in queste malattie? 2) Perché mutazioni PrP diverse causano malattie con manifestazioni cliniche differenti? Per rispondere a queste domande utilizziamo vari modelli sperimentali, tra cui cellule e topi transgenici in cui sono state inserite alcune varianti mutate della PrP.

Malattie da prioni: ricerca di molecole ad attività anti-prionica

Il laboratorio si occupa anche di sviluppare potenziali terapie; in particolare di identificare molecole che riducano i livelli di espressione di PrP o che ne impediscano la trasformazione nella forma patologica. Per questi studi utilizziamo simulazioni al computer, analisi biochimiche in provetta e colture cellulari. La potenziale efficacia terapeutica delle molecole identificate con questi sistemi viene poi valutata nei modelli murini della malattia.

Studio di proteine con meccanismi di propagazione prione-simili

Alcune proteine che si accumulano nel cervello dei pazienti affetti da malattie neurodegenerative, come ad esempio la proteina beta-amiloide nella malattia di Alzheimer, l'alfa-sinucleina nella malattia di Parkinson e la tau nelle taupatie, sono in grado di propagarsi nel tessuto nervoso in modo simile ai prioni. Siamo interessati a sviluppare modelli sperimentali che permettano di studiare il meccanismo di propagazione e neurotossicità di queste proteine. A tal riguardo abbiamo dimostrato che il trauma cranico induce la formazione di una forma prionica della proteina tau che si propaga nel cervello inducendo danni ai neuroni e deficit cognitivi.

Sindrome di Marinesco-Sjögren: meccanismi di neurodegenerazione

La sindrome di Marinesco-Sjögren (MSS), una rarissima patologia causata da mutazioni nel gene SIL1. Si manifesta nella prima infanzia con difficoltà nel coordinare i movimenti e nell’articolare le parole, debolezza muscolare e disabilità intellettiva. SIL1 è importante per il corretto ripiegamento e trasporto delle proteine. Nella MSS SIL1 è difettoso e le proteine si accumulano all’interno della cellula, scatenando risposte di stress, simili a quelle causate dai prioni, che portano a degenerazione di alcuni neuroni del cervelletto. Nel laboratorio studiamo i meccanismi che causano la neurodegenerazione e sperimentiamo potenziali terapie.

Responsabili
Roberto
Chiesa
Capo Laboratorio
roberto.chiesa@marionegri.it
Capi Unità
No items found.
Personale
Elena
Restelli
Ricercatore
elena.restelli@marionegri.it
Antonio
Masone
Ricercatore
antonio.masone@marionegri.it
Giada
Lavigna
Ricercatore
giada.lavigna@marionegri.it
Ilaria
Bertani
Ricercatore
ilaria.bertani@marionegri.it
This is some text inside of a div block.
Thank you! Your submission has been received!
Oops! Something went wrong while submitting the form.
Codice:

International Consensus on Cardiopulmonary Resuscitation.

1205
Non ci sono pubblicazioni selezionate al momento.
Responsabili
Roberto
Chiesa
Capo Laboratorio
roberto.chiesa@marionegri.it

Laboratori Collegati

Tieniti aggiornato sulle novità dell'Istituto Mario Negri. 

Iscriviti alla newsletter
Pagina Inglese