April 17, 2020

Covid-19: i fumatori sono più a rischio

News
“Il fumo è causa dello sviluppo di forme più gravi dell’infezione da Coronavirus”.
covid-19-fumo

Così commenta Silvano Gallus, Responsabile del Laboratorio di Epidemiologia degli Stili di Vita, sul blog dell’autorevole rivista Tobacco Control. Studi recenti, in collaborazione con il Prevention and Research Institute (ISPRO), il Tobacco Free Research Institute Ireland, e l'Instituto Català d'Oncologia, hanno dimostrato che il fumo è associato a un aumento del rischio di sviluppare una sindrome da distress respiratorio acuto (ARDS).

Uno studio condotto su 1099 pazienti Covid-19 ha documentato che:

  1. pazienti che al momento dell’ospedalizzazione presentavano una sintomatologia grave:
    - il 31,7% si dichiarava fumatore
    - il 14,5% non fumatore;
  2. pazienti per cui è stato necessario il ricovero in terapia intensiva e l’uso di ventilazione meccanica, o pazienti deceduti:
    - il 16,2% è fumatore
    - il 4,7% non fumatore.

Questi dati sono in linea con un altro studio condotto su 78 pazienti con polmonite da Covid-19 da cui è emerso che il 27,3% dei pazienti fumatori non ha mostrato miglioramenti dopo 2 settimane, rispetto al 3% dei pazienti che non ha mai fumato. 

Smettere di fumare per evitare complicazioni da Covid-19

Quindi, tra i vari fattori di rischio per evitare una prognosi più infausta di Covid-19 il fumo sembra essere quello più importante perché evitabile, anche se potrebbe non essere direttamente correlato all'incidenza della malattia causata dal SARS-CoV-2. È importante, dunque, informarsi al momento dell’anamnesi se un paziente ha avuto un passato da fumatore o se al presente lo è, registrando questa informazione in tutti i sistemi di sorveglianza per il Covid-19 in tutti i paesi.

Il Dr. Gallus è d’accordo con la raccomandazione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, del Centro Europeo per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie e dell’Unione Internazionale Contro la Tubercolosi e le Malattie Respiratorie (Reuters, 2020) e cioè

smettere di fumare per evitare complicazioni in caso di infezione da SARS-CoV-2

L'invito è, quindi, quello di approfittare del tempo libero a disposizione in questo periodo di isolamento a causa del coronavirus per riuscire a cambiare le abitudini rinunciando ai prodotti a base di tabacco e di nicotina. Per questo motivo sarebbe importante che i servizi di sostegno per fumatori che vogliono smettere di fumare, organizzati dai vari paesi, siano resi ora gratuiti.

POTREBBE INTERESSARTI APPROFONDIRE:

COSA FARE IN CASO DI SOSPETTO COVID-19

COVID-19: IL MODELLO DI PREVISIONE DEL MARIO NEGRI SULLANCET

CORONAVIRUS: COSA SAPPIAMO SULLA DIFFUSIONE E SUI FARMACI?

CORONAVIRUS: LA LUNGA STRADA VERSO IL VACCINO

CORONAVIRUS: ATTENZIONE ALLE BUFALE SU CHAT E SOCIAL

COVID-19: SEGUI IL TREND DELLE REGIONI ITALIANE

SARS-COV-2: QUALI SONO LE ORIGINI DELLA PANDEMIA DEL NUOVO CORONAVIRUS?

A CASA PER IL COVID: SONDAGGIO

COVID-19: APPELLO ALL’EUROPA AFFINCHE’ GLI INVESTIMENTI PUBBLICI IN RICERCA GARANTISCANO TRASPARENZA E ACCESIBILITA’

COVID-19: COME PREVENIRE UNA SECONDA ONDATA EPIDEMICA

CORONAVIRUS: 15 GIORNI IN PRIMA LINEA. COSA ABBIAMO IMPARATO  

NUOVO CORONAVIRUS SARS-COV-2: ALCUNE RISPOSTE ALLE DOMANDE PIU' FREQUENTI

 

Silvano Gallus

Laboratorio di Epidemiologia degliStili di Vita

Editing Raffaella Gatta

Tag relativi all’articolo

Ricerca per aree tematiche
Magazine tag
Divulgazione scientifica
Servizi bibliotecari
Milano
Visite (lun-ven)
10.00-12.00 / 14.00-17.00
Bergamo
Visite (lun-ven)
14.00-16.00 previo appuntamento telefonico

Tieniti aggiornato sulle novità dell'Istituto Mario Negri. 

Iscriviti alla newsletter
Pagina Inglese